fbpx

ELSA Cosenza Podcast on Freedom of Expression Online in the U.S. (ENG/ITA transcripts)

ELSA Cosenza, nell’ambito del suo primo Multi Area Project per l’ELSA Day 2019 dedicato alla libertà d’espressione online, ha creato un podcast focalizzato sul tema in chiave internazionalistica, andando al di là dei confini europei, fino agli Stati Uniti. Il podcast che con grande entusiasmo ed emozione vi presentiamo oggi, è stato creato in collaborazione con la Professoressa Rae Simonini Campagnola, J.D., Esq., Adjunct Professor presso la Delaware Law School Widener University. Con la Professoressa Campagnola parleremo di libertà d’espressione, del suo riconoscimento nell’ordinamento giuridico statunitense e di alcuni casi giurisprudenziali sulla materia.

Professor Rae Simoni Campagnola, J.D., Esq., Adjunct Professor at Delaware Law School Widener University, Graduate, International, Compliance & Legal Studies Programs

Qui il podcast:
https://www.spreaker.com/show/freedom-of-expression-online-elsa-day

Qui, invece, è disponibile il link per effettuare il download del file: https://api.spreaker.com/v2/episodes/20262173/download.mp3

Nel prosieguo di questo articolo sono resi disponibili i transcript del podcast, in inglese e in italiano.

 

ENG:

President ELSA Cosenza Francesco Pace: Hello everyone, I’m Francesco Pace, President of ELSA Cosenza. I’m here with Giovanna Gaglianese, Vice President for STEP (Student Trainee Exchange Programme) of ELSA Cosenza, and Professor Rae Simonini Campagnola from Philadelphia, USA. Welcome to this podcast.
Allow me, before we start, to explain what ELSA is and why we are here today. ELSA (The European Law Students’ Association) is the largest European Association for Law students and graduates, independent, non-partisan and non-profit. The aim of the activities promoted is to deepen the knowledge of the law and to implement the legal skills acquired. ELSA Day aims to unify the entire ELSA Network, develop internationality, and focus on human rights events under the banner “all different, all together”. Since the first edition of ELSA Day, the ELSA Network has continued to jointly demonstrate our human rights commitment, by providing legal education opportunities in order to promote our vision and our values and to show universities, media and partners that there is a strong group of internationally minded and professionally skilled students, behind the name ELSA, having a great united impact. The focus for this edition of ELSA Day is on freedom of expression online. We strongly wanted Professor Campagnola here today to talk about the topic of ELSA Day in relation to the situation in the USA, in a comparative perspective, also because, as said by Federica Toscano, the founder of ELSA Day: “A culture of sharing and understanding shall not halt at some political borders, but should go beyond these frontiers: human dignity is not connected with a certain passport or the place where we are born. Let us ensure then that we move the discussions from the constraints of national borders and unite them under the ELSA Day.” For these reasons we wanted to fly beyond the borders of Europe and involve Professor Campagnola, whom I thank from the bottom of my heart. It’s wonderful to have you here. I leave now the floor to Giovanna, whom will present herself and our guest and lead this podcast.
Vice President STEP ELSA Cosenza Giovanna Gaglianese: Hello everyone, I’m Giovanna Gaglianese, Vice President STEP of ELSA Cosenza. I’m truly honored to host this podcast for the 2019 ELSA Day, and to have as a guest Professor Rae Simonini Campagnola. Francesco and I had the pleasure to be students of Professor Campagnola during a Summer Law School on U.S. Constitutional Law, during which we had the chance to study the freedom of expression as intended and protected in the United States. So it doesn’t come as a surprise that we strongly wanted Professor Campagnola as our guest for this ELSA Day podcast, to hear what she has to say about the freedom of expression online topic, from the American point of view. Thanks for joining us, Professor!
Professor Rae Simonini Campagnola: Thank you so much Francesco and Giovanna. It’s wonderful to be here. I’m honored to be asked to discuss freedom of expression and to support ELSA, The European Law Students’ Association, in their mission to break down borders and barriers and share information. It’s great to be speaking with you today from the United States.

 

VP STEP ELSA Cosenza: Professor, to begin with, I would like to know how freedom of expression is protected in the United States. So Professor Campagnola, what can you tell us about that?
Professor Campagnola: Sure. The freedom of expression is protected in the United States under the First Amendment to the U.S. Constitution. The First Amendment is a rather jam-packed amendment; it reads “congress shall make no law respecting an establishment of religion, or prohibiting the free exercise thereof; or abridging the freedom of speech, or of the press; or the right of the people to peaceably assemble, and to petition the government for a redress of grievances.” So, breaking down those protections under the First Amendment, you have the protection against Government involved religion, or Government endorsing a religion, while providing the people the free exercise of religion; also it provides for what we’re talking about here today, and that’s the freedom of speech and expression, and it allows for the freedom of the press and for the people to assemble and to petition the Government. Generally, in the United States under the First Amendment, speech is presumed protected unless there is a specific exception that applies. So the Government cannot regulate speech that is content-based, and there’s a difference between content-based speech under First Amendement and content-neutral speech. So there’s very limited exceptions for restricting content-based speech. And really somewhat limited exceptions for restricting even content-neutral speech as well, but there are a few more exceptions under content-neutral speech. So, with content-neutral restrictions, it has been held that the Government can limit the time, place and manner of that speech, so in order to limit time, place and manner of the speech, the restrictions must be 1) truly content neutral, meaning that Government can’t be restricting based on the content of the speech; 2) it must be narrowly tailored to serve a significant Governmental interest, which is really a higher level of judicial scrutiny, and 3) the restrictions must leave open another avenue for channel or channels of communication. So the Government can impose a reasonable restriction on content-neutral speech as to time, manner or place; they can limit it, for instance, if it is in residential neighborhoods, or it can limit it if creates some kind of public safety hazard; they can require that the speakers get a permit for instance, but it cannot be based on the content of the speech alone. Conversely, when we talk about content-based restrictions, those restrictions are generally impermissible with only a few narrow exceptions. So, some of the narrow exceptions are if the speech is likely to create what the Courts call an “incitement to imminent violence”, where the speech is intended to incite or produce lawless action; is likely to incite such action; and 3) the last prong is that such action is likely to occur imminently. So that ends up being a very restricted task and a very high standard, that the Court’s have rarely found to pass constitutional muster on content-based restrictions. Another example is if the speech, under content-based restrictions, the speech is a “true threat”, so is “likely to make the reasonable person fear imminent physical harm or death” from the speech, these threats generally would probably constitute criminal behavior. That’s a pretty tough requirement to meet. Another exception is obscenity, so if something is determined to be obscene, then it can be restricted, although Courts are reluctant to deem something obscene under the law. So the last category really is defamation, so if there is a false statement that damages an individual’s character, reputation or fame, the statement 1) must be false, and depending on whether the individual was a public or private figure, the person must show actual malice against that public figure, that the actor knew the statement was false; and that the actor had a reckless disregard in publishing the statement. So some defamation statements can be restricted under this particular freedom. So those exceptions are narrow, speech, again speech likely to incite imminent violence, true threats, obscenity and defamation which involves false statements, are really the only content-based speech that has been restricted, and even those restrictions have been very limited. So freedom of expression or speech under the First Amendment is strong in the United States, and has stood its ground in the face of consistent challenges.

 

VP STEP ELSA Cosenza: Thank you for your answer, Professor. Let us now come to the topic on which ELSA Day is focused. What protection does American law afford when it comes to online freedom of expression?
Professor Campagnola: Yes. So online freedom of expression is also protected under the First Amendment to the U.S. Constitution. In a case called Reno v. ACLU, the Supreme Court took a the look at the internet as a new technology, and held that the Government cannot restrict a person’s access to words or images on the internet, any more than they could, for instance ripping a book out of ones hand or covering a nude statute in a museum. In the Reno case the Court recognized that the internet was the most participatory form of mass speech yet developed, which is likely true, and the case rooted in law that this new technology at the time that was developed called the internet, is a vast free speech zone. The Court in Reno examined a provision of the Communications Decency Act which was passed in 1996, which created a somewhat safe zone for minors under 18 years of age from accessing images and words by criminalizing the transmission of obscene or indecent messages on the internet to those under 18 years of age, but a unanimous Supreme Court did not allow the restriction, and they held that provision of the Act was unconstitutional content based restriction on speech under the First Amendment. So the Court held that “The Government may not reduce the adult population to only what is fit for children.”.  So this was the first look at this new technology by the Supreme Court, and it really was a sweeping victory for free speech on the internet, really creating this vast safe zone of free speech, if you will. Another interesting concept in the area of freedom on online expression is the concept of Net Neutrality, which has come under fire recently in the United States. Net Neutrality rules have most recently been lifted by the FCC (Federal Communication Commission in the U.S.) under the current Trump administration, and what Net Neutrality rules served to accomplish was that ISPs, Internet Services Providers, had to keep the internet open and not restrict sites based on content, or create a fast or slow lane to particular websites, so ISPS must treat all Internet communications equally, and not discriminate or charge differently based on user, content, etc. Now that Net Neautrality rules have been lifted for ISPs, it’s kinda created a lot of litigation from users and companies, but in accordance with the latest rulings it looks like an act of Congress will be needed, or a change in the administration in another rule change for the FCC to reverse course. So we will see were this will end up. Interestingly, also under online expression is the right to remain anonymous in speech, and this has come under a little bit of fire as well, because either Government or corporations sometimes will target through subpoena and litigation websites to kinda unmask the identity of the speaker of the website. But there is a right to remain anonymous in speech under the First Amendment, and that right has been repeatedly protected by the Supreme Court. So the long-standing right to anonymity and the protections it affords are really critical for the Internet, and as the Supreme Court has recognized, the Internet offers a new and powerful democratic forum in which anyone can become a “pamphleteer” or “a town crier with a voice that resonates farther than it could from any soapbox.”. The free exchange of ideas on the Internet is driven in large part by the ability of Internet users to communicate anonymously, and this protection is also afforded to internet communication. Finally, a provision of the Communications Decency Act, Section 230 allows websites to be released from legal liability for comments of their users. So that was built into the 1996 Act because Congress recognized that if the sites themselves were responsible for the speech of their users, then it would restrict the internet from growth. So it is the reason why this provision of the Communications Decency Act the internet can offer a platform for critical speech without the fear of being sued for the comments of their users. So that part of the  Act, the safe harbor provision of the Act, if you will, remains intact. So those are basically the current protections for online freedom of expression and speech.

 

VP STEP ELSA Cosenza: Thank you again for your answer, Professor. Interesting news, also in Europe, says that, according to the United States Court of Appeals for the Second Circuit in New York, Donald Trump cannot block anyone on Twitter. Can you explain the Second Circuit’s holding?
Professor Campagnola: Sure, I can explain the ruling. The case is Knight First Amendment Institute v. Trump, and the Knight Institute is a part of Columbia University, and it aims to protect the rights and privileges of individuals granted under the First Amendment, and the Knight Institute brought suit in 2017 on behalf of seven individuals, that Donald Trump had blocked from his social media Twitter account @realdonaldtrump after the individuals had posted comments criticizing his Twitter comments, actions and his presidency.  The case was first heard in the Southern District of New York, and the Court for the Southern District held that the Twitter forum was an interactive space that constituted a public forum, and that the President’s exclusion of individuals from that space was unconstitutional view point discrimination. The Second Circuit just this past summer, in July of 2019, agreed with the District Court’s conclusion in this ruling, and basically there were only a few legal issues in that case to be resolved, as the parties had stipulated to many of the facts of the case. One fact was that although Donald Trump had opened and ran the Twitter account privately prior to his presidency, the parties agreed that he had used the account as his official account for the Presidency, whereby he was announcing policy decisions, foreign diplomacy, he announced cabinet member hiring and firings, and he was interacting with the public about his administration as a whole. President’s tweets actually became and are official records of the Presidency, according to the National Archives,which is the agency that is tasked with maintaining the Government’s records here in the United States. So, further, his Press Secretary one time, indicated that the President’s tweets should be considered “official statements of the President of the United States.” So it became very hard for the Government to argue that this account did not become a public account or a public forum, even though it was run by a private company and as a private social media page at one time, and that exactly is what the Second Circuit found as well, is that that is actually a public forum because of the President’s use thereof. And the account became public when the President, intentionally and repeatedly, used the Account as official vehicle for governance and made its interactive features of Twitter and the account accessible to the public without limitation. So, as a public forum on social media, the individual users are entitled to the same First Amendment protections as any other form of media. The same basic principles of freedom of speech apply, and the United States Supreme Court had already indicated in prior precedents that the public forum need not be a spatial or geographic one, and that the same principles are applicable to social media, to online accounts and social account, to internet account, in its metaphysical forum. So, by blocking these individuals the President, the Second Circuit had held, engaged in content-based or view point-based discrimination, under the First Amendment. The President even stipulated that the individuals were blocked for their comments to his tweets, so this was not even something the Court had to determine. Once a public forum was recognized by the Court, the President became the Government actor, he actually was the one who did the actual blocking, and engaged in view point-based discrimination in violation of the First Amendment. The Government had argued in the case that the individuals that were blocked could have created a new Twitter account, or could have used another forum, however the Second Circuit wasn’t impressed by this argument, and they correctly found that, when the Government engages in discrimination against a speaker based on their view point, the ability to engage in other speech does not cure the constitutional defect or shortcoming. So, even though those users could have opened a new Twitter account, or could have gone to another forum on social media to criticize the President, it did not matter, because it would not cure this defect of blocking them from this public forum.  So they found that the President violated the First Amendment when he used the blocking function of Twitter to exclude the individual plaintiffs in this case.

 

VP STEP ELSA Cosenza: According to you, Professor, does this decision effectively protect the freedom of online expression, and is this the right way to protect online users from the violation of the First Amendment?
Professor Campagnola: Well, certainly as it relates to this case, Knights Institute v. Trump, it effectively protected the freedom of the individuals under the First Amendment, and certainly it has continued a long standing precedent that political speech, in the United States ranks among the most highly guarded, if not the most highly guarded form of speech. So yes I do, I think that the action and the outcome here in this case was the right way to protect the online users here.  The decision effectively states that the first Amendment does not permit a public official, here the President of the United States, who utilizes social media for all manner of official purposes to exclude persons from an otherwise open online dialogue, because they expressed views which the President disagreed with. And confirms really the prior precedent that social media is entitled to the same First Amendment protections, as any other older forms of media are. So, you know, interestingly, there is one quote that resonates with me from the decision, and it actually is the very last paragraph at the end of the decisions, and Judge Parker, who wrote the opinion for the Second Circuit Court of Appeals, stated that: “the irony in all of this is that we write at a time in the history of this Nation when the conduct of our Government in its officials is subject to wide open robust debate. The debate encompasses an extraordinarily broad range of ideas and viewpoints, and generates a level of passion and intensity the likes of which have rarely been seen. This debate, as uncomfortable and as unpleasant as it frequently may be, is nonetheless a good thing. In resolving this appeal we remind the litigants and the public that if the First Amendment means anything, it means that the best response to disfavored speech on matters of public concern is more speech, not less.”. You know, that quote really encompasses and is consistent with the United States Freedom of Speech jurisprudence, and generally more speech is the best weapon against Governmental and social discord, not less. Also, this ruling reinforces that no governmental official, including the President, is above the law, especially those long standing Freedoms that the United States was founded upon, namely the Freedom of Expression.

 

VP STEP ELSA Cosenza: Professor Campagnola, I deeply thank you for your thorough answers, I’m sure you offered all the listeners excellent insights on the matter from a U.S. point of view. It was a pleasure to have you here today!
Professor Campagnola: It has been such a pleasure Giovanna. Thank you and Francesco, and of course ELSA, The European Law Students’ Association, and I hope to be able to speak to you again real soon!
President ELSA Cosenza: A dutiful and heartfelt thanks to Professor Rae Simonini Campagnola, for joining us and for her really enlightening discussion on online free speech, it was a great privilege for us. And thanks to Giovanna for leading this podcast. We really hope you enjoyed it, until next time!

 

ITA:

Presidente ELSA Cosenza Francesco Pace: Buongiorno a tutti, sono Francesco Pace, Presidente di ELSA Cosenza. Mi trovo qui con Giovanna Gaglianese, Vicepresidente STEP di ELSA Cosenza, e la Prof.ssa Rae Simonini Campagnola da Philadelphia, Stati Uniti. Benvenuti in questo podcast. Prima di iniziare, permettetemi di parlarvi di ELSA e del motivo per cui oggi ci troviamo qui. ELSA, The European Law Students’ Association, è la più grande associazione europea per studenti e neolaureati in Legge; indipendente, apartitica e senza scopo di lucro, organizza attività il cui scopo è quello di coadiuvare la cultura legale e implementare le competenze giuridiche. Lo scopo dell’ELSA Day è l’unione di tutto il Network ELSiano, lo sviluppo dell’internazionalizzazione, e l’attenzione sugli eventi a riguardo dei diritti umani, sotto il motto “all different, all together”. Dalla sua prima edizione, l’ELSA Day ha mostrato l’impegno congiunto di tutto il nostro Network per la tutela dei diritti umani, contribuendo ad offrire opportunità di educazione giuridica per promuovere i nostri valori e per mostrare alle università, ai media e ai nostri partner la presenza, dietro il nome ELSA,di un gruppo coeso di studenti aperti all’internazionalità e professionalmente qualificati. L’edizione di quest’anno dell’ELSA Day è dedicata alla libertà di espressione online. Abbiamo fortemente voluto la Prof.ssa Campagnola per parlare di quest’argomento con riguardo alla situazione statunitense, secondo una prospettiva comparata. Come affermato da Federica Toscano, fondatrice dell’ELSA Day, “una cultura di condivisione e comprensione non deve fermarsi di fronte a confini politic, ma deve andare oltre queste frontiere: la dignità umana non è connessa a un determinato passaporto o al Paese in cui si nasce. Assicuriamoci di spingere le discussioni oltre gli ostacoli dei limiti nazionali, e di unirle nell’ELSA Day”. Per questi motivi abbiamo voluto volare oltre le frontiere europee e coinvolgere la Prof.ssa Campagnola, che ringrazio dal profondo del mio cuore. È meraviglioso averla qui. Lascio ora la parola a Giovanna, che ci presenterà sé e la nostra ospite, e condurrà il podcast.
Vicepresidente STEP ELSA Cosenza Giovanna Gaglianese: Buongiorno a tutti, sono Giovanna Gaglianese, Vicepresidente STEP di ELSA Cosenza. Sono davvero onorata di condurre questo podcast per l’ELSA Day 2019, e di avere come ospite la Prof.ssa Rae Simonini Campagnola. Io e Francesco abbiamo avuto il piacere di essere studenti della Prof.ssa Campagnola durante una Summer Law School sul Diritto costituzionale statunitense, durante la quale abbiamo avuto l’occasione di studiare la libertà d’espressione come intesa e tutelata negli Stati Uniti. Non è dunque una sorpresa il nostro forte desiderio di coinvolgere in questo podcast la Prof.ssa Campagnola, per condividere con noi il punto di vista americano su questa materia. Grazie per essere qui con noi, Professoressa!
Professoressa Rae Simonini Campagnola: Grazie a voi, è splendido essere qui! Sono onorata di parlare con voi della libertà d’espressione e di sostenere ELSA nella sua missione di abbattere le frontiere e condividere la conoscenza. È fantastico parlare con voi oggi dagli Stati Uniti!

VP STEP ELSA Cosenza: Professoressa, per cominciare, vorrei sapere come è tutelata la libertà d’espressione negli Stati Uniti. Cosa può dirci?
Prof.ssa Campagnola: Negli Stati Uniti la libertà d’espressione è tutelata dal Primo Emendamento della Costituzione statunitense. Il Primo Emendamento è particolarmente ricco di disposizioni; stabilisce che “Il Congresso non promulgherà leggi per il riconoscimento ufficiale di una religione, o che ne proibiscano la libera professione; o che limitino la libertà di parola, o di stampa; o il diritto delle persone di riunirsi pacificamente in assemblea e di fare petizioni al governo per la riparazione dei torti.”. Analizzando queste tutele, troviamo innanzitutto quella contro il coinvolgimento del Governo con una particolare religione, o contro il Governo che sostenga una specifica religione, garantendo comunque la libertà religiosa a tutte le persone. Il Primo Emendamento parla anche dell’argomento di discussione di oggi, garantendo anche la libertà di espressione e di parola, e supporta la libertà di stampa e la libertà, per tutte le persone, di associarsi e di proporre petizioni al Governo. In generale, negli Stati Uniti sotto il Primo Emendamento la libertà di parola si presume protetta, a meno che non ci sia una eccezione espressamente prevista, per cui il Governo non può regolare discorsi che siano basati sul contenuto. C’è una differenza fra i discorsi basati sul contenuto e i discorsi dal contenuto neutrale; ci sono eccezioni molto rare per la restrizione dei discorsi basati sul contenuto, mentre vi sono maggiori e più frequenti eccezioni in merito ai discorsi dal contenuto neutrale. Per ciò che riguarda le restrizioni dei discorsi dal contenuto neutrale, è stato stabilito che il Governo può limitarne tempi, luogo e modi; per poter limitare questi discorsi è necessario che la restrizione riguardi effettivamente un discorso dal contenuto neutro, perché il Governo non può limitare il discorso sulla base del suo contenuto; la limitazione deve essere attentamente considerata e volta a servire un interesse governativo rilevante, secondo livelli molto alti di controllo giurisdizionale; infine, le limitazioni devono lasciare aperta una strada per altri canali di comunicazione. Il Governo quindi può imporre delle limitazioni ragionevoli sui discorsi dal contenuto neutro, per quello che riguarda luoghi, modi e tempi in cui questo discorso viene fatto. Si possono limitare, per esempio, se si tratta di un quartiere residenziale, o se si il discorso comporta qualche rischio per la pubblica sicurezza; è possibile che sia previsto che la persona che parla ottenga un permesso, ma le limitazioni non possono essere basate esclusivamente sul contenuto del discorso. Quando, invece, parliamo di limitazioni basate sul contenuto, queste sono generalmente inammissibili, se non per pochissime eccezioni; alcune eccezioni sono, per esempio, quella riguardante il discorso passibile di provocare quello che le Corti definiscono “incitamento ad una imminente violenza”, per cui il discorso si intende volto a incitare o a produrre azioni illecite, o è probabile che possa incitarle, o ancora che queste azioni possano verificarsi in un breve lasso di tempo. Si tratta comunque di casi molto particolari, che difficilmente sono stati considerati ammissibili per le restrizioni basate sul contenuto. Un altro esempio è quello del discorso il cui contenuto rappresenti una minaccia reale, ossia che faccia ragionevolmente ritenere a una persona nelle proprie capacità di temere la morte o un pericolo fisico, derivante da quel particolare discorso. Queste minacce generalmente costituiscono una condotta criminosa, ma anche in questo caso si tratta comunque di un requisito molto difficile da soddisfare. Un’altra eccezione è rappresentata dalla dalle oscenità; se qualcosa viene considerato osceno può essere limitato, sebbene le Corti siano riluttanti a giudicare qualcosa come osceno secondo la legge. L’ultima categoria di eccezioni è rappresentata dalla diffamazione, in virtù della quale se c’è una dichiarazione falsa che danneggia la personalità e la reputazione di un individuo, è necessario innanzitutto che la dichiarazione sia falsa, e che in base al fatto che l’individuo sia una figura pubblica o privata, la persona che ha fatto la dichiarazione mostri effettivamente malizia contro quella figura pubblica, e che quindi quella persona sia cosciente della falsità delle affermazioni che sta facendo. Non solo, è necessario anche che chi fa questa dichiarazione mostri colpevole negligenza nel fare quell’affermazione. Per cui alcune dichiarazioni diffamatorie possono essere limitate secondo questa particolare libertà; è evidente che queste eccezioni sono rare: discorsi volti a incitare violenza imminente, minacce reali, oscenità e diffamazione a causa di dichiarazioni false, sono effettivamente gli unici discorsi basati sul contenuto che vengono limitati, e anche queste limitazioni sono effettivamente molto rare. La libertà di espressione e di parola sotto il Primo Emendamento è molto forte negli Stati Uniti, e ha sempre mantenuto la sua posizione nonostante le continue contestazioni.

 

VP STEP ELSA Cosenza: Grazie per la sua risposta Professoressa. Passiamo ora all’argomento al quale è dedicato l’ELSA Day di quest’anno. Quali tutele prevede l’ordinamento giuridico americano quando si tratta della libertà d’espressione online?
Prof.ssa Campagnola: La libertà d’espressione online è tutelata a sua volta dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti. In un caso noto come Reno v. ACLU la Corte Suprema ha considerato internet come una nuova tecnologia; ha stabilito che il Governo non può limitare l’accesso di una persona a discorsi ed immagini su internet, come non potrebbe fare per esempio strappando dalle mani di una persona un libro o coprendo una statua nuda in un museo. Nel caso Reno la Corte ha riconosciuto che internet è la forma d’espressione di massa più sviluppata, il che è probabilmente vero, e quel caso prevedeva che questa nuova tecnologia, come al tempo era stata definita internet, era effettivamente una zona di libera espressione molto vasta. La Corte in Reno ha esaminato una previsione normativa del Communications Decency Act, promulgato nel 1996, volto a creare una zona sicura per i minori di 18 anni dall’accesso ad immagini e parole criminalizzati per la trasmissione di messaggi osceni o indecenti su internet. Una sentenza all’unanimità della Corte Suprema non ha ammesso la limitazione, e ha stabilito che la previsione normativa in questione era incostituzionale, in quanto basata sul contenuto del discorso. La Corte ha stabilito che “il Governo non può appiattire la popolazione adulta a quello che è esclusivamente adeguato ai minori”. Questo fu un primo approccio alla nuova tecnologia che era internet al tempo da parte della Corte Suprema, e fu una vittoria schiacciante per la libertà di parola su internet, creando effettivamente quell’ampia zona sicura per la libertà di parola. Un altro concetto interessante nell’ambito della libertà d’espressione online è quello di Net Neutrality, oggetto di polemiche particolarmente accese negli Stati Uniti. Le regole sulla Net Neutrality sono state abrogate dalla FCC, la Commissione Federale per le Comunicazioni, sotto l’attuale amministrazione Trump. I regolamenti della Net Neutrality servivano a far sì che gli Internet Service Providers mantenessero internet una piattaforma aperta, senza operare sui siti restrizioni basate sul contenuto, evitando di creare linee più o meno veloci per particolari siti. Gli ISP dovevano quindi trattare tutte le comunicazioni su internet in maniera uguale, senza discriminare o far pagare diversamente per queste comunicazioni sulla base dell’utente, del contenuto e così via. Ora che queste norme sono state abolite per gli ISP sono sorte moltissime controversie fra utenti e compagnie; secondo le ultime pronunce giurisprudenziali sembra che un atto del congresso sia ormai effettivamente necessario, o perlomeno un cambiamento nell’amministrazione della FCC. Vedremo come evolveranno le cose. Sotto la tutela della libertà d’espressione rientra il diritto a mantenere l’anonimato, e anche questo è stato oggetto di accese discussioni, perché sia il Governo che le imprese spesso colpiscono tramite citazioni e cause legali dei siti web al fine di smascherare l’identità delle persone che, su quei siti, parlano tutelate dall’anonimato, però sussiste effettivamente un diritto a mantenere l’anonimato sotto il Primo Emendamento, e questo diritto è stato più volte ribadito e tutelato dalla Corte Suprema. È evidente quindi che il diritto all’anonimato e le tutele che comporta sono effettivamente cruciali per internet, e come ha riconosciuto la Corte Suprema internet offre un nuovo e più potente forum democratico in cui chiunque può diventare un “oratore” o “un banditore con una voce che risuona più lontano che da qualsiasi pulpito”. Il libero scambio di idee su internet è guidato in larga parte dall’abilità degli utenti di internet di comunicare in maniera anonima, e questa protezione è quindi fornita anche alle comunicazioni informatiche. Una previsione della legge in questione, alla Section 230, permette che i siti web siano dispensati dalla responsabilità giuridica per i commenti dei propri utenti. Questa previsione fu posta nella legge del 1996, in quanto il Congresso comprese che se i siti fossero stati ritenuti responsabili per i discorsi dei propri utenti, questo avrebbe rappresentato una limitazione alla crescita di internet. Questo è il motivo per cui questa previsione della legge del 1996 fa sì che internet offra una piattaforma per il confronto critico senza la paura di essere denunciati per i commenti dei propri utenti. Quella previsione, che definirei il porto sicuro della legge, resta tuttora intatta. Queste quindi sono le previsioni e le tutele attuali per la libertà d’espressione e di parola online.

 

VP STEP ELSA Cosenza: Grazie ancora per la sua risposta, Professoressa. Un’interessante novità, anche per l’Europa, è quella della sentenza della Corte d’appello degli Stati Uniti per il Secondo Circuito di New York, secondo cui Donald Trump non può bloccare nessuno su Twitter. Può spiegarci la decisione del Secondo Circuito?
Prof.ssa Campagnola: Certo, posso spiegarvi la sentenza. Il caso è Knight First Amendment Institute v. Trump. Il Knight Institute fa parte della Columbia University e ha la finalità di proteggere i diritti e i privilegi degli individui garantiti sotto il Primo Emendamento. Il Knight Institute nel 2017 chiamò in causa, in rappresentanza di sette persone, Donald Trump, che aveva bloccato dal suo account Twitter @realdonaldtrump questi utenti, dopo che questi avevano pubblicato dei commenti nei quali criticavano le frasi, le azioni e la presidenza di Trump. Il caso fu in prima battuta ascoltato dal Distretto Sud di New York, e la Corte del Distretto Sud stabilì che Twitter era uno spazio interattivo che costituiva un forum pubblico, e che l’esclusione di alcune persone da quello spazio da parte del Presidente rappresentava una incostituzionale discriminazione basata su diversi punti di vista. Il Secondo Circuito proprio la scorsa estate nel luglio 2019 ha concordato con la conclusione della Corte del Distretto Sud, senza dover affrontare particolari questioni legali, in quanto le parti avevano già precisato molti dei fatti del caso. Uno dei punti cruciali fu il fatto che, sebbene Donald Trump avesse aperto e gestito il suo account Twitter privatamente prima di diventare Presidente, le parti concordarono che avevo usato poi il suo profilo come il profilo ufficiale della Presidenza, annunciando tramite questo decisioni politiche e di affari esteri, oltre che assunzioni e licenziamenti di membri del gabinetto, e interagendo con il pubblico nei riguardi della sua amministrazione in generale. I tweet del Presidente divennero e sono tuttora fonti ufficiali della Presidenza secondo gli Archivi Nazionali, che sono l’agenzia che si occupa di tenere traccia delle dichiarazioni del Governo negli Stati Uniti. Addirittura il Portavoce del Presidente Trump una volta dichiarò che i tweet del Presidente sono dichiarazioni ufficiale del Presidente degli Stati Uniti. Divenne quindi molto difficile per il Governo controbattere che questo account non era diventato un profilo o un forum pubblico, sebbene fosse gestito da una compagnia privata e come un profilo privato un tempo, e questo è ciò che stabilì il Secondo Circuito, ossia che si tratta effettivamente di un forum pubblico a causa proprio dell’uso che ne fa il Presidente. Il profilo è diventato pubblico quando il Presidente, in maniera intenzionale e reiterata, lo ha usato come mezzo ufficiale di comunicazione del Governo, e ha reso le funzionalità interattive di Twitter e dell’account accessibili al pubblico senza alcuna limitazione. Quindi, in quanto un forum pubblico, sui social media gli utenti hanno diritto alle stesse protezioni previste dal Primo Emendamento per qualunque altro media. Gli stessi principi di libertà di parola si applicano a questo caso; la Corte Suprema degli Stati Uniti ha già stabilito in precedenza che il forum pubblico non deve essere necessariamente uno spazio geografico o fisico, e che gli stessi principi si possono applicare ai social media, ad un account online o social, e in generale a qualsiasi account su internet, nei suoi forum astratti. Bloccando questi utenti, il Presidente, a parere del Secondo Circuito, ha tenuto un atteggiamento discriminatorio basato sui contenuti e sui diversi punti di vista sotto il Primo Emendamento. Il Presidente affermò addirittura che le persone erano state bloccate direttamente da lui per i loro commenti, per cui non fu neanche compito della Corte determinare questo evento. Una volta che un forum pubblico è riconosciuto dalla Corte come tale, il Presidente diventa un attore del Governo, dal momento soprattutto che fu lui stesso a bloccare effettivamente questi utenti e a discriminarli sulla base dei loro diversi punti di vita. Il governo sostenne che le persone che erano state bloccate avrebbero potuto creare un nuovo profilo Twitter, o in alternativa avrebbero potuto usare un altro forum: nonostante ciò, il Secondo Circuito non fu persuaso da questa argomentazione stabilendo correttamente che quando il Governo agisce in discriminazione di un utente sulla scorta dei suoi punti di vista, la possibilità di poter intrattenere discussioni altrove non sopperisce al difetto costituzionale. Perciò, sebbene quegli utenti avrebbero effettivamente potuto aprire nuovo account o parlare e criticare su altri forum il Presidente, questo non importava, perché non avrebbe comunque risolto il difetto costituzionale che era sorto bloccandoli da Twitter. La Corte ha quindi stabilito che il Presidente ha violato il Primo Emendamento quando ha usato la funzione di blocco di Twitter per escludere dalla conversazione le persone coinvolte nel caso.

 

VP STEP ELSA Cosenza: Professoressa, secondo il suo punto di vista, questa decisione protegge effettivamente la libertà di espressione online, ed è il modo corretto di tutelare gli utenti dalla violazione del Primo Emendamento?Prof.ssa Campagnola: Certamente per ciò che riguarda il caso Knights Institute v. Trump ha tutelato in maniera efficace la libertà degli individui sotto il Primo Emendamento, e certamente ha perpetuato i ripetuti precedenti giurisprudenziali, per cui i discorsi politici negli Stati Uniti sono fra le forme di libertà di parola più garantite, se non quelle più tutelate di tutte. Per questo penso che effettivamente le azioni e i risultati in questo caso siano il modo giusto di tutelare gli utenti. La sentenza stabilisce fermamente che il Primo Emendamento non permette a un pubblico ufficiale, in questo caso il Presidente degli Stati Uniti, di utilizzare i social media a scopi ufficiali, di escludere le persone da un dialogo altrimenti aperto, solo per avere espresso punti di vista con i quali il Presidente non si trova d’accordo. Inoltre, conferma il precedente per cui i social media sono tutelati dalle stesse previsioni del Primo Emendamento come qualsiasi altra forma più risalente di mezzo di comunicazione. C’è in particolare una citazione in cui mi ritrovo particolarmente, e si ritrova nell’ultimo paragrafo nella decisione; il giudice Parker, che ha scritto l’opinione del Secondo Circuito della Corte d’appello, ha detto: “l’ironia di tutta questa vicenda è che scriviamo in un periodo storico per la nostra Nazione in cui il Governo è ufficialmente oggetto di un dibattito pubblico molto forte. Questo dibattito abbraccia una varietà incredibilmente vasta di diversi punti di vista ed idee, e genera un livello di passione e intensità raramente visti prima. Questo dibattito, per quanto scomodo e spiacevole possa sembrare, è nondimeno un’ottima cosa. Nella risoluzione di questo appello ricordiamo alle parti in causa e al pubblico che, se il Primo Emendamento significa qualcosa, significa che la miglior risposta ai discorsi riguardanti questioni pubbliche è maggiore libertà di parola, e non minore”. Questa citazione ritengo sia rispondente alla giurisprudenza riguardante la libertà di parola consolidatasi negli Stati Uniti, e in generale sicuramente una maggiore libertà di parola è l’arma migliore contro le dissonanze sociali e politiche. Inoltre, questa sentenza rafforza che nessun ufficiale del Governo, chiede incluso il Presidente è superiore, alla legge soprattutto si tratta di quelle libertà sulle quali gli Stati Uniti sono stati fondati nello specifico la libertà d’espressione.

 

VP STEP ELSA Cosenza: Prof.ssa Campagnola, la ringrazio davvero per le sue risposte esaurienti, che sono certa abbiano fornito a tutti i nostri ascoltatori interessanti spunti di riflessione sulla materia secondo l’ottica americana. È stato un piacere averla qui con noi oggi!
Prof.ssa Campagnola: È stato un vero piacere Giovanna, grazie a te e a Francesco, e naturalmente ad ELSA, spero di risentirvi presto!
Presidente ELSA Cosenza: Un doveroso e sentito ringraziamento alla Prof.ssa Campagnola, per essersi unita a noi in questa interessante discussione sulla libertà d’espressione online, è stato un grande onore per noi. Grazie anche a Giovanna per aver condotto il podcast. Alla prossima!

#ELSADay #AllDifferentAllTogether#ELSADay2019 #ELSACosenza #ELSAItaly #FreedomOfExpressionOnline #FreedomOfExpression #IFP #InternationalFocusProgramme  #EuropeanLawStudentsAssociation #CouncilOfEurope #ConseilDeLEurope #ConsigliodEuropa #CoE #USConstitution #USConstitutionalLaw #FirstAmendment #FreedomOfSpeech #LibertàDiEspressione #LibertàDiEspressioneOnline #PrimoEmendamento #LibertàDiParola #CostituzioneDegliStatiUniti #KnightsInstitutevTrump #RenovACLU #SupremeCourtOfTheUnitedStates #SCOTUS #NationalArchives